Lecce

Conosciuta anche con il nome di Isola Grande, l'Isola dei Conigli è una delle attrazioni più apprezzate del Salento, complici la sua natura rigogliosa, la fauna variegata, le spiagge bianche e le acque cristalline che la circondano. L'Isola dei Conigli si trova a pochi metri dalla costa di Porto Cesareo ed è facilmente raggiungibile a nuoto o in barca.

Ma perché si chiama Isola dei Conigli? Il nome deriva da un'iniziativa tenuta sull'isola negli anni '50 dello scorso secolo: si mirava all'allevamento di conigli allo stato brado. Ad oggi i conigli non ci sono più, ma l'isola ha mantenuto la sua bellezza originale, anche grazie all'assenza di strutture ricettive che la rendono una vera e propria terra selvaggia da esplorare.

L’affascinante parco naturalistico dell’isola dei Conigli-Porto Cesareo

Isola dei Conigli

Isola dei Conigli - Porto Cesareo

L'intera isola è un parco naturale lungo 2 chilometri e largo appena 500 metri. Grazie ad una sapiente opera di rimboschimento effettuata negli anni '50 dalla Guardia Forestale, la vegetazione dell'Isola dei Conigli cresce rigogliosa ed è in grado di ammaliare ogni turista; cipressi, pini d'Aleppo, acacie e pinete di Tamerici arricchiscono il territorio con i colori e i profumi tipici della zona mediterranea e lo rendono ideale da percorrere per gli appassionati di trekking.

L'Isola dei Conigli di Porto Cesareo, però, non è solo natura, ma anche storia. Su questa piccola isola infatti sono stati ritrovati numerosi reperti archeologici: un anello con incisioni risalenti all'epoca fenicia, nel 1925 si verificò la scoperta di un'antica tomba ormai ancorata tra le rocce come anelli con incisioni risalenti all'epoca fenicia, una tomba antica e cocci di anfore lungo la riva. Si ipotizza infatti che l'isola in passato fosse un luogo di scambio commerciale.

L'Isola dei Conigli, nonostante abbia dimensioni ridotte, trabocca dunque di posti da esplorare e cose da vedere; ma è il luogo perfetto anche per chi preferisce semplicemente rilassarsi sulla spiaggia di sabbia bianca, godendosi le acque cristalline.

Immersioni in un mare trasparente di rara bellezza

La bellezza dell'Isola dei Conigli non si trova solo in superficie, ma anche sott'acqua: il mare cristallino e il ricco fondale lo rendono il posto ideale per dedicarsi allo snorkelling. Anche chi non lo pratica o i bambini possono godersi lo spettacolo grazie alle acque pressoché trasparenti che permettono di vedere chiaramente il fondale.

La fauna marina è molto ricca e variegata: durante le immersioni si possono scorgere pesciolini di vario genere, polipi, aragoste, e perfino agglomerati di corallo, molto rari nelle acque del Mar Mediterraneo.
Oltre alla bellezza naturalistica, le immersioni nelle acque dell'Isola dei Conigli di Porto Cesareo permettono di scorgere anche relitti di imbarcazioni, anfore e vasi. Come detto in precedenza, infatti, l'Isola dei Conigli in passato rappresentava uno scalo commerciale.

Un'altra peculiarità che si può trovare nelle acque dell'Isola dei Conigli, più nello specifico nel tratto che collega l'isola con la zona sud di Porto Cesareo, la penisola della Strea, sono dei resti che compongono un percorso, costruito con sassi che si incastrano perfettamente gli uni con gli altri.

Come raggiungere l'Isola dei Conigli Porto Cesareo

Vegetazione Isola dei Conigli a Porto Cesareo

Vegetazione Isola dei Conigli - Porto Cesareo

Per arrivare all'Isola dei Conigli bisogna partire da Porto Cesareo, dal porticciolo turistico vicino al lungomare di via Cosimo Albano.
La zona può essere raggiunta da nord, per esempio da Taranto, e da sud, da Gallipoli, prendendo la strada 359. Da Lecce, invece, occorre prendere la strada provinciale 119 fino a Leverano e poi la strada provinciale 21.

Una volta giunti a Porto Cesareo ci sono due opzioni per partire alla volta dell'Isola dei Conigli: per gli abili nuotatori raggiungere l'isola sarà molto semplice, in quanto le condizioni dell'acqua sono spesso favorevoli (specialmente in alta stagione) e l'isola dista solo 900 metri dalle coste di Porto Cesareo. Inoltre, in alcuni punti l'acqua è talmente bassa da permettere di toccare il fondo.

In alternativa si può chiedere un passaggio ad una delle tante barche che si fermano presso il porticciolo oppure prendere un taxi boat. I costi sono molto bassi (solitamente, si va sui cinque euro per andata e ritorno) e la traversata dura solo dieci minuti.